Escursioni

Itinerario 1: VISITA GUIDATA NEL CENTRO STORICO DI POLIGNANO
    
    

Entriamo nel Centro Storico attraverso la porta oggi “Arco Marchesale”, la quale sino  al XVIII sec. ha rappresentato l'unico ingresso nella città, una città ben protetta tutta intorno da un'ampia cinta muraria e circondata da un profondo fossato; l'arco marchesale presenta ancora le feritoie a cui era collegato il ponte levatoio.  Varcato l'arco marchesale, ci si immette nella Piazzetta Fulvia Miani Perotti, nobildonna, scrittrice discendente
dei signori di Polignano proprietari del Palazzo del Feudatario, posto sulla destra. Di fronte ad esso il Palazzo del Governatore. A sinistra in Via Mulini il Palazzo Pino Pascali luogo d'incontri culturali ed artistici, e la barocca chiesa del Purgatorio costruita sul sito della Cappella di San Martino, luogo di sepoltura della povera gente che non poteva essere accolta all'interno della Chiesa. Nella Piazza Vittorio Emanuele II, l'antica piazza
dell'orologio, troneggia
la Chiesa Matrice sorta, con ogni probabilità, su un tempio pagano. La Chiesa in stile romanico pugliese, dedicata  a S. Maria Assunta, fu a lungo cattedrale. La Chiesa conserva oggi numerose opere di Stefano da Putignano, scultore pugliese dell'800. Tra le sue opere la più signifitcativa è il presepe, custodito nella cappella edificata dalla famiglia Buonospirito nel 1503. Il presepe nel 1996 è stato raffigurato su un francobollo emesso dalla Zecca dello  Stato e dichiarato monumento nazionale.  La passeggiata nel centro storico oltre che con l'arte e la storia si arricchisce anche con le numerose leggende legate ai vicoli, un esempio è vico Chiangella che in dialetto polignanese significa “pianto”; attraverso questo vico si sono infatti introdotti i turchi che hanno depredato donne e bambini. La passeggiata si conclude con la visita sul mare, poiché le numerose viuzze giungono alle logge, balconate a strapiombo sul mare.

  

Itinerario 2: POLIGNANO A MARE - CONVERSANO - CASTELLANA GROTTE - ALBEROBELLO - LOCOROTONDO - MARTINA FRANCA - CISTERNINO (Percorso di km 64)

 

 

 Conversano: Centro agricolo fiorente, ha origini antiche certamente peucetiche. Bello il Castello di origine svevo-normanno, a pianta trapezoidale, con grandi torrioni cilindrici e poligonali. All’interno vi è una loggia e un bel porticato del Rinascimento, la sua struttura domina il paese. La Cattedrale fondata tra l’XI e il XII sec. ha la facciata trecentesca di notevole bellezza.
Castellana Grotte: Il percorso delle grotte si divide in due parti: l'itinerario breve della lunghezza di  km. 1 e della durata di circa 50 minuti, giunge sino alla caverna del precipizio. Da qui si fa ritorno alla Grave, la prima caverna e l’unica comunicante con l’esterno. L'itinerario completo della lunghezza di km. 3 e della durata di circa 2 ore, giunge sino all’ultima caverna, quella Grotta Bianca definita, per il suo candore, la cavità più splendente del mondo.
Alberobello: Si pensa sia stato fondato nel XV secolo dagli Acquaviva-D’Aragona, conti di Conversano. Tutto intorno al centro del paese si estendono i caratteristici trulli. La zona monumentale è interamente composta da trulli uniti a gruppi e allineati lungo le viuzze scoscese. Alcuni trulli sono visitabili e generalmente presentano un vano centrale principale comunicante a mezzo di arcate con la cucina e le altre camere. Anche la moderna chiesa di S. Antonio è a forma di trullo.
Locorotondo: Centro agricolo e commerciale caratteristico per il territorio punteggiato da trulli e vigneti, domina
la Valle d’Itria con i suoi 4700 ettari di territorio. Caratteristica la passeggiata nel centro storico fra le innumerevoli viuzze. Un monumento di notevole interesse storico architettonico è la Chiesa della Madonna della Greca, costruzione brasiliana del 1100 dichiarato monumento nazionale.
Martina Franca: Splendida e ridente cittadina sulle balze meridionali delle Murge sorge a 431 mt. s.m.
La Chiesa di S.Antonio è di forme gotiche mentre maestoso risulta il Palazzo Ducale della seconda metà del seicento, con splendidi affreschi.
Cisternino: Sorge nella Valle d’Itria su un’altura  a 394 mt. s.m. Il suo centro abitato, dall’aspetto orientale, è caratterizzato dalla costruzione di abitazioni accavallate quasi l’una sull’altra in vicoli spesso stretti e tortuosi.

Itinerario 3: POLIGNANO A MARE - EGNAZIA - OSTUNI - ORIA  (Percorso di Km 87)

 

 

Egnazia: L'area archeologica di Egnazia, sito abitato senza continuità dall’età del bronzo al Medioevo, è stata aperta al pubblico nel 1978 ed oggi l’itinerario si snoda in tre percorsi: l’acropoli, la città e la necropoli.
Ostuni: Bianca di luce e di calce, si affaccia all’Adriatico, offrendosi al visitatore in tutta la sua luminosa bellezza. Antico borgo appollaiato sul colle più alto, offre al visitatore un paesaggio dalle mille suggestioni. Chiuso e fortificato nella cerchia muraria, il vecchio nucleo si slarga qua e là in
ariose terrazze per scoprire un panorama incantevole.
Oria: Antica città messapica sorta nel VII secolo a.c. su un precedente borgo dell’età del bronzo. Il monumento principale, che domina la città, è il castello, fatto costruire da Federico II nel XIII secolo, ampliato e restaurato nei secoli successivi. Nella I decade di agosto si svolge il corteo storico, costituito da circa 400 figuranti e vede i quattro rioni affrontare due prove del tempo medievale.

 

Itinerario 4: POLIGNANO A MARE - TRANI - CASTEL DEL MONTE  (Percorso di Km 114)

 

 

Trani:  Il centro storico di Trani è ricco di stupende chiese e di palazzi nobiliari. Il nucleo più antico si organizza intorno al porto e su una penisoletta che culmina con la cattedrale stupendamente orientata sul mare. La Cattedrale è senza dubbio una delle più belle Chiese del romanico pugliese e tra le più suggestive d’Italia, dedicata a S. Nicola Pellegrino e la sua fondazione iniziò nel 1907. Il Castello di Trani, costruito da Federico II nel 1233 e finito nel 1249, fu deturpato da aggiunte posteriori per essere, fino a pochi anni or sono, adibito a carcere.
Castel del Monte:  Il più famoso monumento dell’epoca del’imperatore Federico II di Svevia è la costruzione di Castel del Monte la quale risale alla prima metà del ‘200. Castel del Monte ha l’unicità della pianta ottagonale al cui centro c’è un cortile ottagonale. Agli angoli del poligono sorgono otto strutture, anch’esse ottagone, che hanno aspetto di torri ma la cui altezza non supera quella del corpo del castello.

   

Itinerario 5: POLIGNANO A MARE - FASANO  (Percorso di Km 25)

 

 

 

Fasano: Lo ZOOSAFARI è il primo parco faunistico d'Italia e il più ricco di specie animali d'Europa, è un paradiso naturalistico dove quasi tremila Creature viventi appartenenti a più di trecento specie di cinque Continenti si possono ammirare, fotografare, riprendere, in assoluta libertà.  Annesso al parco faunistico c'è un parco divertimenti, Fasanolandia. Qui si trovano altri reparti faunistici da visitare in trenino (il “Monkey Village”, “Il Lago dei grandi mammiferi” e il Rettilario), attrazioni, spettacoli, giostre, bar, ristoranti, self-service, paninoteche, aree pic-nic, discoteche, un teatro polifunzionale, un delfinario, un internet cafè, la “Puglia in Miniatura” in cui sono rappresentati alcuni dei monumenti pugliesi più noti e altri padiglioni. Da segnalare il Delfinario, uno dei più grandi d’Italia.

   

Itinerario 6: POLIGNANO A MARE - TORRE GUACETO  (Percorso di Km 60)

 

 

 

Torre Guaceto: L’Area Marina protetta e Riserva Naturale dello Stato di Torre Guaceto comprende e racchiude un prezioso tratto di costa incontaminato e suggestivo dove il tempo sembra essersi fermato. Il parco si estende per circa 1000 ha terra e 2000 ha mare, preservando complessivamente un tratto di costa lungo circa 7 km. All’interno del parco si possono effettuare varie escursioni:
CICLOTREKKING: il piacere di passeggiare in bicicletta si sposa con la scoperta dei paesaggi del parco. Pedalare all’imbrunire lungo i sentieri della macchia e i tratturi che attraversano l’uliveto secolare, diventa un viaggio lontano nel tempo.
ESCURSIONI: camminare lentamente a piedi, per incontrare e conoscere la natura, con mani, occhi, naso e bocca per vedere, pensare e ricordare.
SEAWATCHING: un immersione nel blu del mediterraneo come un breve cammino di ritorno all’acqua per raccogliere impressioni ed emozioni, una passeggiata con maschere e pinne accessibile a tutti.

 

Escursioni in barca

 

La scogliera di Polignano a Mare offre uno spettacolo indimenticabile anche a chi non va a visitare i fondali marini. Infatti a bordo di un gommone, pedalò o gozzi si può perlustrare tutto il litorale polignanese con visita alle grotte marine alcune delle quali arrivano fin sotto al centro abitato.

 

Avrete l’opportunità di scoprire paesaggi marini inaspettati; ripercorrerete tutta la fascia litoranea caratterizzata da numerose grotte, scavate nella roccia dall’azione erosiva dell’acqua che, oltre a delineare un territorio particolarmente interessante dal punto di vista speleologico, contribuiscono a creare una fascia costiera più unica che rara per bellezza; molte grotte sono visitabili ed alcune arrivano fin sotto il centro abitato e, non di rado, si fondono con le cantine.

I percorsi si snodano per tutti i dodici chilometri di litorale per farvi ammirare la splendida Cala Ponte, Cala Porto, Cala Sala, Cala Incina, Cala Paura, caratteristica insenatura naturale, meta di numerosi subacquei perché facilmente raggiungibile e dove a soli 12 mt. si trova una grotticella di facile passaggio.

La grotta più famosa è la Palazzese, così definita per via della sua maestosità e forse per l’appartenenza alla famiglia dei Miani, un tempo feudatari di Polignano.

Grazie a molti corsi d’acqua sotterranei e ad un ecosistema inalterato, i fondali del mare di Polignano custodiscono specie di flora e fauna uniche che suscitano molta attenzione in ambito scientifico e non solo: sempre di più, infatti, sono coloro che trovano interessante osservare più da vicino tali specie attraverso escursioni subacquee.

Periodo: Dalla primavera in poi e sempre con condizioni meteo marine accettabili.

Consigli: Consigliamo un abbigliamento sportivo e scarpe comode; nelle giornate calde e bene dotarsi di un cappellino o bandana. Durante le soste è possibile fare il bagno.

   


Sito web gratis da Beepworld
 
L'autore di questa pagina è responsabile per il contenuto in modo esclusivo!
Per contattarlo utilizza questo form!